Dolori intercostali, cause e rimedi

Cause e rimedi dei dolori intercostali. Chiedi una visita specialistica allo Studio Kineos a Pesaro (PU)

I dolori intercostali consistono in una sensazione di dolore pungente che ha sede negli spazi fra le costole e che può derivare da disturbi nervosi, muscolari o osteo-cartilaginei.

Il termine “dolori intercostali” infatti si riferisce soprattutto ad una vasta gamma di sintomi dolorosi percepiti nella zona della gabbia toracica, in un’area compresa fra l’ombelico e la base del collo e si possono avvertire sia nella parte sinistra che nella parte destra.

Questa sensazione di dolore può essere collegata a diversi fattori che vanno da semplici disturbi collaterali a malattie più serie. A rendere più difficile la diagnosi è il fatto che il dolore che viene percepito all’interno della gabbia toracica non è sempre riconducibile alla zona nella quale si percepisce il dolore.

Caso rappresentativo è ad esempio il dolore cardiaco che ha origine dal cuore ma poi si propaga irradiandosi fino al braccio sinistro. I dolori intercostali possono presentarsi in vari punti ed in forme diverse: fitte alla schiena, dolori allo sterno, fitte al seno o dolori fra le scapole.

Oltre alla zona di individuazione del dolore possono variare anche la frequenza e la tipologia di quest’ultimo; esso infatti può essere continuo, acuto o intermittente e può presentarsi sia al mattino che di pomeriggio oppure di sera prima di recarsi a letto.

Cause dei dolori intercostali

Una delle più comuni cause dei dolori intercostali è rappresentata dal freddo, il cosiddetto “colpo d’aria”. Un altro fattore da ricollegare ai dolori intercostali può essere lo strappo muscolare, in particolare se si praticano esercizi in palestra che portano ad un allungamento eccessivo di muscoli situati proprio all’altezza delle costole. Altra causa dei dolori intercostali può essere una postura scorretta, assunta soprattutto quando si lavora diverse ore seduti dietro ad una scrivania.

I dolori intercostali possono essere provocati anche da nevralgie intercostali le quali causano dolore provocato dall’infiammazione dei nervi intercostali, anche questa dovuta spesso alle repentine variazioni di temperatura. I dolori intercostali possono essere anche di natura diversa; possono sopraggiungere per problemi legati all’apparato osteoarticolare come spondiloartrosi, scoliosi o ernia del disco, oppure avere altra origine legata a patologie tipo ulcera, ipertensione, colite, calcoli biliari, reflusso gastroesofageo o conseguentemente all’Herpes Zoster, chiamato più comunemente “fuoco di Sant’Antonio”.

Spesso anche la tosse è strettamente correlata ai dolori intercostali, magari come primo sintomo di una broncopolmonite o conseguentemente ad una bronchite; persino l’ansia può essere ricollegata ai dolori intercostali.

Insomma, sintetizzando: i dolori intercostali costituiscono un sintomo dalle origini abbastanza vaste per cui è preferibile non sottovalutarli ed affidarsi sempre con fiducia al proprio medico curante o, meglio ancora, con uno specialista. Egli infatti di certo sarà in grado di fugare ogni vostro dubbio e rispondere a qualsiasi domanda, prescrivendo eventualmente degli esami per un’indagine più accurata, specie se questo sintomo persiste, causando difficoltà di respirazione o altri sintomi.

Rimedi per i dolori intercostali

Come già detto, le cause dei dolori intercostali possono essere molteplici. Se essi sono causati da improvvisi sbalzi di temperatura, è bene coprirsi adeguatamente, meglio se con indumenti di lana, ed adagiare una borsa d’acqua calda sulla zona interessata.

E’ molto importante anche evitare di prendere freddo, esporsi a correnti d’aria o soggiornare in ambienti con aria condizionata, soprattutto se si è sudati. Poichè spesso il dolore è causato dalla respirazione accelerata, è molto utile non sforzarsi e provare a muoversi il meno possibile, respirando con calma e molto lentamente.

E’ fondamentale infatti restare calmi, rilassarsi e non fare grossi sforzi in quanto il dolore improvviso può facilmente mandarci in panico. Inoltre, facendoci pensare subito a qualcosa di seriamente grave, acuisce di molto la percezione del dolore. Se si avvertono dolori intercostali mentre si pratica attività sportiva, è opportuno prima rallentare e poi fermarsi seguendo degli esercizi di respirazione fino a quando le fitte non scompaiono.

Altro  rimedio per i dolori intercostali durante l’allenamento è quello di chiudere la mano a pugno, portandola sotto la gabbia toracica e spingendola dentro ruotando il braccio, e dunque la mano, di 90 gradi. Se i dolori sono circoscritti dietro la schiena, nei pressi delle scapole, potrebbero essere causati da algie o problemi muscolari; in questo caso per attutirli possono essere sufficienti dei rimedi naturali oppure si possono utilizzare farmaci antidolorifici (chiamati anche FANS), molto utili a calmare il dolore e a facilitare la guarigione.

Se il dolore è localizzato all’altezza del fianco destro, potrebbe trattarsi di qualche problema al fegato; al contrario, se è circoscritto al fianco sinistro si potrebbe trattare invece di problemi alle vie biliari.

Se le fitte sono ad intermittenza e ripetute nel tempo, allora è necessario recarsi in ospedale in quanto si potrebbe trattare di un problema più serio da non trascurare. Nel momento in cui dovesse verificarsi questo problema, è sempre meglio non rischiare e chiedere un consulto medico per andare più a fondo, soprattutto se si è un soggetto a rischio.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *