Terapia pre post-parto

terapia-pre-post-parto

Ginnastica pre e post-parto

La ginnastica pre-e post-parto si fa individualmente o a due mamme. Volendo possiamo organizzare dei piccoli gruppi di quattro, massimo cinque mamme per lezione. Solitamente si tratta di 5 lezioni di ginnastica pre-parto e 5 lezioni di ginnastica post-parto, di un’ora e mezza ciascuna, una volta a settimana.

Il corso di ginnastica pre-parto si può iniziare verso la ventesima settimana di gravidanza.

Gli obbiettivi sono:

  • imparare a capire e controllare la muscolatura del pavimento pelvico; controllare significa  saper contrarre la muscolatura del perineo ma anche saperla rilassare (cosa molto importante al momento del parto),
  • aiutare la mamma a gestire bene il proprio corpo durante la gravidanza, pensiamo ad esempio alla postura che inevitabilmente cambia man mano che cresce il pancino,
  • preparare la mamma fisicamente al parto: come affrontare il travaglio, posizioni per attutire le doglie, come farsi aiutare dal marito per esempio con un massaggio, come respirare per ossigenare bene il corpo della mamma e del piccolino e per affrontare meglio le contrazioni, …,
  • preparare la mamma fisicamente al post-parto rinforzando gambe e braccia, schiena e torace,
  • dare tanti consigli oltre all’opportunità di confrontarsi con altre mamme.

Il corso di ginnastica post-parto si può iniziare dopo 6 settimane dal parto (in caso di taglio cesareo dopo 10 settimane).

Si punta prima di tutto sul ripristino di un buon tono muscolare a livello di pavimento pelvico e addome. Ci tengo veramente tanto a consigliare questa ginnastica a TUTTE le mamme. E non solo dopo il primo parto! Tornare ad avere un pavimento pelvico tonico è fondamentale per mille motivi:

  • superare piccole o importanti perdite nel periodo post-parto, ma anche prevenire questo fastidioso problema che tipicamente può (ri-)comparire dopo la menopausa;
  • prevenire o curare prolassi di vescica, utero o retto dopo il parto o dopo la menopausa;
  • un pavimento pelvico tonico è fondamentale per una buona coordinazione dei vari”diaframmi” del corpo umano, che porta a una buona respirazione e quindi ad una buona ossigenazione e funzionamento degli organi, ma anche ad una corretta postura;
  • tornare a trovare piacere nei rapporti intimi;
  • è impossibile avere “la pancia piatta” se il pavimento pelvico non è in forma;
  • prevenire o curare problemi d’instabilità al bacino e alla schiena, ma anche alle articolazioni periferiche;
  • ecc.

Partendo da un buon tono a livello del pavimento pelvico il resto segue quasi automaticamente. Si fanno esercizi per ritornare “nella forma di prima della pancia”. Bisogna riabbassare le costole, rinforzare l’addome e i glutei, le gambe, stabilizzare il bacino e già la postura sarà molto migliorata. Per più di qualche anno toccherà fare un bel pochino di sollevamenti!

Non bisogna pensare di fare questa ginnastica per tornare ad essere solo belle, soprattutto lo si fa per stare bene. E una mamma che si sente bene riuscirà molto meglio a dare il massimo al suo piccolo e al mondo intorno a se!

Molto spesso per le mamme lo scoglio più grosso per andare a fare la ginnastica post-parto è che non sanno a chi lasciare il piccolo o che si sentono in colpa di allontanarsi da lui. Staccare un’oretta molte volte fa tornare la mamma a casa con le batterie veramente ricaricate. Per chi avesse sensi di colpa o non sa come organizzarsi con le poppate propongo sempre di portarsi il piccolino dietro. Si possono fare tanti esercizi carini con il bimbo, ma si può anche approfittare dell’occasione per insegnare alla mamma il massaggio del neonato (cosa bellissima!). Sono disposta a ritagliarmi più tempo per la seduta in modo da poter fare un pit-stop per la poppata o un cambio pannolino.

Oltre ai corsi di ginnastica aiuto le mamme con problemi a schiena o bacino, ma anche ad altre articolazioni (come un’epicondilite dovuta alla posizione durante l’allattamento o per ninnare il piccolino) con la terapia manuale. Spesso bastano veramente poche sedute per riequilibrare muscoli e articolazioni, si da qualche consiglio a livello di postura, qualche esercizio da fare a casa e via che si riparte senza problemi.

Infine effettuo sedute di linfodrenaggio per le mamme che soffrono di ritenzione idrica, gambe gonfie. Si possono fare durante la gravidanza dal quarto mese in poi e chiedo sempre l’ok del ginecologo curante.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *